FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







TRANSEUNTE

Stefano Riva




Io so tutto della solitudine.

Sono un cultore della solitudine
Il profeta dell'isolamento
Un appassionato di rara esperienza
Un professionista di chiara fama
E non certo un patetico dilettante.

Credo che Voi vi aspettiate molto da me
O forse non vi aspettate proprio niente
Ma, tanto, non avrebbe nessuna importanza
Visto che sono solo
Ergo, Voi non potete esistere.

Mi sorge a questo punto un dubbio
Piuttosto concreto, anzichenò
Vi dirò: se Voi non esistete non serve che vi scriva
Per quanto vi faccio notare una cosa
Potrei anche non scrivere a Voi...

Un altro dubbio, è un brutto smacco
Per un erudito del par mio
Tutto questo è molto, molto interessante
Almeno per me, se non per Altri
Non so a chi potrei scrivere, se non a Voi.

Ma c'è un ma
Chi vi dice che debba scrivere a qualcuno
Forse sto scrivendo solo per me stesso
E potrebbe avere anche un senso, dovete ammetterlo
Dovete ammetterlo per forza.

No, non credo di scrivere solo per i miei occhi
Per cui devo arrendermi all'evidenza
Voi esistete
Esistete e mi state leggendo
Sia detto tra parentesi, cosa non sgradita.

Si, su questo siamo d'accordo
Resta solo un piccolo problema
Un piccolo, insignificante problema
Per carità, non voglio annoiarvi
Ma allora come faccio ad essere solo?

A questo punto non mi resta che una cosa da fare
Ammettere l'inammissibile, naturalmente
Ovvero che io non sono solo
Ma questo è davvero grave
E sapete perché?

Sono stanco di darmi la zappa sui piedi!



ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.