FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







POESIE

Capota Petrica




L'ULTIMO SANTO

amore c'e ancora un pazzo sulla terra
teniamolo con noi e onoriamolo come santo
preghiamo sera dopo sera
diamogli da mangiare chewing gum e da bere acqua limpida


tu dimmi dolce parole e al pazo ubbidisci
si pietosa e a letto quanto piu voi peccatrice
siamo sempre ubriachi, inocenti e dementi
con anima bianca come la neve e con occhi rossi come palle di fuoco


campane, gemiti, lamenti, pianti e suoni
amiamoci ancora per tuto il tempo che c'e la morte
è un pazzo che muove i nostri passi
il pecato e che il pazzo muoia anche lui
e il mondo faccia nascere solo mostri


CAVALLI VERDI


c'era una lunga notte
con cielo pieno di stelle, uniforme e verdi
tu correvi innamorata sulle pareti
avevi un seno insanguinato
e ti mancava nel corpo l'ultimo pecato


io disegnavo cavalli e ascoltavo bugie
vuoto, davanti al diluvio di gente
animali, rettili e metali
felice che ho ancora le ossa coperte di carne


avevamo insieme un'idea uniforme e seducente
un corpo con quattro mani e quattro piedi
cavalcando un cavalo verde
correndo impazzito in mezzo alle pareti


BOSCO DI RAME


se voi andare
insieme con gli animali nati dai metali
e desideri una campana nel profondo del core
e due ruote de ferro denticolate
sulle quale correre da un capo all'altro del mondo
e non voi mai vedere come nascono i gatti,
e il campo di fiori gialli
dove tu ricordavi i baci magici
che ti hano fatta diventare donna e cosi bella

se hai deciso di vivere nel bosco di rame
e voi sentire all'infinito rumori metallici
e dimenticare il calore delicato
delle foglie che ti coprivano il corpo
i fiori che ti adornavano i capelli
e i piu bei ricordi,
ti prego di domandare la sabbia del deserto
l'acqua dei mari, e il cielo azzuro,
quanto sono felici
quanto sentono il rumore delle spade
che spacano il loro silenzio.



ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.