FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







PICCOLE POESIE

Fabrizio Venerandi




(Questa raccolta è Mecenateware. Se la lettura vi è gradevole spedite una offerta a Venerandi Fabrizio, via Giglioli 52/23 16142 Genova, che sarà utilizzata per comperare libri di studio e di narrativa).


L'affresco

Perdonatemi l'affresco:
non dovrei tirar fuori
polipi felici dalla lavatrice.

Ma questa disfunzione
mi sembra avere
lo stesso senso
del vento.


La poetessa che tengo nell'omero

Costruendo un costrutto
ti fai un paroliamo
mischi i sospiri
li insegui, li raggiungi
li prendi, li rilasci,
e li insegui di nuovo.

Costruisci un indice analitico
un pollice alfabetico,
cambi chiave di ricerca
e guardi come vengono fuori.

Cesarea li tiri per la testa
li getti sul letto
ora sei procuste:
se sono bugie gli tagli le gambe,
se sono bei pensieri
li allunghi con l'acqua,
se sono ricordi, con il pianto.

Li guardi da vicino
ti allontani da buona pittrice
ti riavvicini, gli dai un colpetto
li saggi con l'unghia,
esperta vasaia,
gli dai spago
ne fai una bella collana
"ad aprire ostriche
son capaci tutti".

Oziosa
fai la macellaia
ti scegli i pezzi migliori
li appendi ai ganci
te li congeli per bene
sulle pagine di un quaderno.

Poi,
beata,
avvampi ridendo.


Pulsioni del me frollino

Sono un frollino
mi emoziono,
mi sciolgo in un bicchiere
di acqua calda
mi sfaldo.

Poi mi raddrizzo
mi ricompongo,
ritorno ad essere secco
e farinoso.

A scatti rientro
nella scatola di biscotti.


Walkman

Ed il mondo
ci passava
davanti ai finestrini
ed avevamo un solo walkman
il tuo;
io avevo il duplicatore
ed ascoltavamo la stessa musica
per ore,
la stessa cassetta,
ci addormentavamo
tanto c'era l'autoreverse,
legati dagli stessi sogni,
dai fili delle cuffiette,
ed io ti volevo un mondo
di bene.


Mattino, di grigio

Mattino, di grigio;
caricato assoldato
plumbeo peso di tonnellate
cotone imbevuto grevo
ma trasparente d'intocco.
L'alto palazzile
sfuma, si sfrange, svapora:
gli ultimi piani
s'aprendo dileguando
afferrano il cielo.
A forza tirando d'abbasso
ce lo se lo gettano:
ecco,
piogerellina tenue.


La vestale notturna

I atto

Finalmente
il finale
di non voler iniziare
una notte
sconsolata
non vuole
che le accarezzi i seni
per farla riposare
addormentandosi.

II atto

E' normale
zucchero
sul bordo del bicchiere
e dentro
una pozione maligna
per fare impazzire
ed a me piace
lo zucchero,
piace la pozione maligna
per fare impazzire,
ma non impazzisco.

III atto

"Vieni vieni
soffri l'acerbo sogno
d'1 ragazzina verginale
che arrossisce con le mani
dappertutto
poi
fa bene anche al fisico".
Le spirali radiose
tentennanti al mio respiro notturno
dicono.

IV atto

Ora il mio sangue dorme
calmo in conchette quiete
in tutto il mio corpo
e sono pronto
ad incendiare, piegarmi,
sollevare, sopportare,
crollare, finire.

V atto ed epilogo

Ma ora non guardatela
la vestale notturna
è infine giustamente giunta
candela in mano
m'accarezza i capelli
chiusi per il sonno.
Nell'altra mano
un libro non finito
tiene.

E' la vestale notturna.


Ridendo, con le mani in tasca

Ieri ho visto il tuo uomo
bello come un elettrodomestico
funzionale e funzionante.

Gioviale, simpatico, carismatico
sembrava un aperitivo.

Vicino a lui
eri come
non ti avevo visto mai.

Un ombrellaia sotto la pioggia;
con la piccola faccia cinese di
un ombrellaia sotto la pioggia;


Miracolo in cucina

Oh!
Il piatto si è rotto per terra
poi ho allungato la mano
e l'ho preso al volo
prima che cadesse.


Cabriolet di cielo

E' giunta
su 1 cabriolet di cielo
bionda, occhiali scuri;
mi ha preso 1 passaggio:
mentre in piedi sul sedile
trasformavo i passanti in sabbia
"Sai chi sono?" mi ha chiesto.

Giratomi
"Tu sei bellissima
-le ho risposto-
tu sei Dio;
tu sei la stereofonia!"

Sorridendo,
ha annuito.



ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.