FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







ORE PICCOLE

Mara (Marcella Contarella Chiovaro)




Laura entrò nella stanza e chiuse la porta.
Il tempo è tutto mio. - disse - Posso scrivere una storia. Posso scrivere:
Laura entrò nella stanza e chiuse la porta.
Il tempo è tutto mio. - disse - Posso scrivere una....
<No, non puoi scrivere: Laura entrò nella stanza e chiuse la porta.
Dovresti avere una penna ed in questa stanza non c'è una penna.>
Allora riprendiamo daccapo, esci e rientra, quindi:
(Laura, che sono io, entra nella stanza e chiude la porta)
"Il tempo è tutto mio" dico "Cosa faccio? Non posso scrivere perché per scrivere ci vuole una penna ed in questa stanza non c'è una penna."
<Non c'è una penna, ma c'è una matita. Potresti scrivere con la matita.>
Non mi piace scrivere con la matita, non scorre. Però potrei disegnare con la matita.
Allora riprendiamo tutto daccapo:
(Laura entra nella stanza e chiude la porta.)
"Il tempo è tutto mio. Cosa faccio? Posso disegnare, c'è una matita. Ma non c'è carta e senza carta non si può disegnare."
<Potresti telefonare, c'è il telefono.>
Ma a chi telefono alle due di notte? Non si può telefonare alle due di notte!
Cioè si può telefonare se si sta male.
E io non sto male.
Se si vuole comunicare una notizia urgente.
Io non ho niente da comunicare.
Non si può svegliare qualcuno per dire:
"Pronto. Ti telefono perché non ho niente da dirti."
Di sicuro quello non ti saluta più.
E incontrare persone che non ti salutano, diciamo la verità, non è bello!
Ti rende insicura.
Non che io mi senta insicura, per carità!
Mi sento sicurissima, se qualcuno mi saluta.
Ma se io saluto e nessuno mi risponde mi vengono dei dubbi.
Dunque:
O non ti vuole salutare e diventi insicura. O non ci sei.
E se non ci fossi davvero?
Se fossi convinta solo io di esserci ed invece non ci fossi?
<Meglio non telefonare alle due di notte. Meglio telefonare a mezzogiorno. Almeno nessuno si offende e poi ti saluta.>
Perché dovrei telefonare a mezzogiorno, se sono le due di notte?
<Perché c'è il telefono.>
Ma il telefono serve per ricevere le telefonate.
<Potresti aspettare che qualcuno ti telefoni alle due di notte, per dire che non ha niente da dirti, tanto tu lo saluti lo stesso, così non si sente insicuro.>
E poi, se aspetto una telefonata alle due di notte, ho qualche cosa da fare, ora che il tempo è mio.........., in questa stanza........., nella quale sono entrata chiudendo la porta.



ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.