FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







OGGETTO

Axel Denied




Era bello. Era molto bello.
Per di più era oggettivamente bello, non una di quelle cose che diventano belle a seconda di chi le guarda, le scruta e le critica, buttandole così nel grande minestrone delle ipocrisie umane.

E' il chiaro caso dell'abito che fa il monaco e di una qualsiasi di quelle strane associazioni mentali che marcano un fenomeno insozzandolo di umanità. Mentre quell'oggetto era semplicemente bello, così come era perfetto ed equilibrato nel cosmo. Non c'era una sola parte di esso che risultasse pendente verso un lato o l'altro del magnetismo universale, il che creava un certo senso di scetticismo in chiunque lo osservava; anche da lontano...

Le forze stesse sembravano dividersi equamente fra la sua parte superiore e quella inferiore o se preferite tra quelle destra e la sinistra, perché, tanto, era perfetto anche nella forma, che era indefinita e quindi perfetta. E potevate anche immaginarlo come un'unica massa con un inspecificabile equilibrio che permeava in tutta la sua lunghezza o se preferite in tutta la sua profondità, perché tanto era perfetto anche nelle dimensioni, che erano vaghe e forse inesistenti.

Paura? Incertezza? Debolezze dell'animo?
Non esistevano, non collimavano con la sua natura che era perfetta e perfin bella. Non potevano naturalmente esistere, altrimenti sarebbe stato disequilibrato ed instabile e quindi imperfetto.
In questo caso sarebbe bastata una scintilla, un fotone vagante nello spazio cartesiano per farlo scoppiare di cattiveria e per disseminare le sue molecole intorno ad uno spazio saturo di una ex-perfezione.
Ma così non fu.

Perché il fatto stesso che fosse perfetto indicava che aveva trovato un equilibrio in questo nostro mondo. Significava che prendeva la sua perfezione da qualcosa di ignobilmente volgare e che si era andata volgarizzando sempre più nel corso dei tempi; fino a diventare quello che è oggi. Cacca.
Questo è quello che viene tecnicamente chiamato processo di magnetizzazione induttiva, ed in questo caso la magnetizzazione era esattamente contraria a tutto ciò che era e c'era nel mondo circostante. Cioè cacca.

Tutto quello che vediamo, quello che ascoltiamo, quello che percepiamo attraverso uno dei cinque sensi è indubbiamente alterato, deformato come pur essere un'immagine al caleidoscopio con un vetro rotto.
Miraggi di Fata Morgana.




ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.