FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it







DE RERUM SFIGARUM

Kappa




PREFAZIONE
----------

Il De Rerum Sfigarum è stato scritto nei primi mesi del 1993, e devo dire che è uno dei miei messaggi più belli.
La cosa che mi ha più stupito è che questo messaggio è diventato una sorta di leggenda, tutt'ora a quasi due anni dalla "prima edizione" viene citato come termine di paragone per quantificare la sfiga di un messaggio.
Non so se mi posso definire uno dei giovani cresciuti nella generazione "Fantozzi", certo è che questo messaggio come molti miei altri messaggi, è influenzato da questo personaggio, una delle più grandi creazioni di Paolo Villaggio. Ora che ci penso non sono cresciuto con un supereroe in mente... anzi si, ma il mio supereroe era lui, Fantozzi.
Se devo essere sincero, mi fa ancora sorridere, rileggere questo raccontino. Forse perché c'è di peggio...
Kappa

1992 De Rerum Sfigarum
----------------------

Ecco un sunto della jella del Kappa in questo anno nero:

Gennaio-Febbraio: Passano lisci, nulla fa presagire ciò che accadrà.
Marzo: litigo col prof di Greco del Manzoni, reo di avermi dato un 3 in Greco orale in pagella (nello scritto avevo 7!), per motivi di condotta (ma allora a cosa serve il voto di condotta?), di lì a poco mi trasferirò in un angusta scuola privata chiamata Studium (in più ha altri 3 nomi che non ricordo bene...). In questa scuola sopravvive il regime fascista (scale separate per alunni ed alunne, le giustifi- cazioni vanno portate dal preside... e ovviamente chi sgarra viene sospeso)
Aprile: A poco più di due settimane dal mio arrivo in questo luogo vengo sospeso, per aver chiesto una cosa al mio compagno di banco, durante l'ora di filosofia. (tutto ciò non fa che aumentare il mio disprezzo verso la prof, una nanerottola che pretendeva di paragonare Dio al bene Platonico, e diceva che Platone era Cristiano...)
Maggio: qui vengo colpito nel profondo del cuore... Amsterdam, il Toro non vince la coppa UEFA nonostante non abbia perso contro l'Ajax e nel ritorno abbia colpito tre pali (tre stilettate al cuore) si materializza la famosa "Sfiga Granata". (chi dice che il viola porta male?)
Giugno: Dopo numerose rassicurazioni da parte della prof di Latino e Greco, vengo rimandato in Greco... incazzatura massima, in parte calmata dall'evitato rischio di Filosofia a Settembre. Da ricordare anche Matematica a Settembre.
Luglio: Mese che ritenevo fortunato (inconsapevole di ciò che succederà a Dicembre) mio padre compra la macchina nuova... una bella Clio 1.4 RT... gioia somma... passo senza problemi l'esame di teoria della patente (ultima sessione dei vecchi QUIZ)
Agosto: In Grecia centro con una mano un riccio... 8.000 dracme (aprox 50.000) di dottore... ma sarebbe il meno... tutte le punte di quel cazzutissimo riccio vengono tolte con un ago (per altro di dubbia provenienza) e, inutile dirlo, niente anestesia...
Settembre: Beccato in pieno dalla madre della mia ragazza, mentre io e sua figlia, minorenne,"socializzavamo"... evito di un soffio la denuncia per stupro, in compenso per due settimane non esco di casa per paura del padre... un sardo... che richiamava un po' la figura del padre del Mambo... (cfr. Lupara)
Depresso per l'accaduto mi distraggo pensando ai motori, e decido di trasformare il mio Benelli S-50 nel corrispondente su due ruote del traghetto MISANO ALTA VELOCITA' ADRIATICO.
Il mezzo viene rielaborato nel seguente modo: Numerosi buchi ven- gono praticati alla marmitta (per la precisione 14), il che non da comunque il caro rumore a 100watt che uccide le vecchiette... Viene cambiata la valvolina del Carburatore da un espertissimo mio amico (anzi dopo l'accaduto ex-amico ed ex-espertissimo). Il Benelli raggiunge i 95 km/h, mantenendo una ripresa pazzesca che lo porta a sgommare in partenza, ben felice del mio bolide scorazzo nel tiepido caldo settembrino, inconsapevole di ciò che mi attende. Ebbene, dopo due giorni, mentre andavo sparato in viale Coni Zugna, il motorino mi esplode sotto al culo, proiettandomi in aria in un moto curvilineo, facendomi atterrare in mezzo al marciapiede. Trovo il motorino per terra pochi metri più avanti in una pozza d'olio. Scoprirò più tardi che si è sbiellato (anche se tuttora credo che il motore non ci sia più).
Ottobre: Si sfascia l'Amiga... stupidamente mi faccio consigliare da Pizzo Calabro un posto dove portarlo a riparare (dato che anche lui aveva sfasciato il computer in un suo viaggio a Madrid... o a Tokyo... o a Lisbona... boh?) ignaro del fatto che Pizzo non bada a spese per il suo PC (dato che i soldi glieli da sua madre...), totale 250.000
Novembre: Toro fuori dalle coppe. Per colpa della spesa Amiga sono costretto a saltare numerosi concerti... furto della ruota di scorta della Clio 1.4
Dicembre: Ed eccoci in dirittura d'arrivo, fino al 21 dicembre nulla di interessante, poi in serie: il 22 mi costringono ad assistere alla messa di natale a scuola, sulle scale mentre mi dirigevo incazzatissimo in palestra (per l'occasione trasformata in luogo di culto) mi scappa una bestemmia allucinante, ovviamente 10 gradini più in basso c'era la prof di Italiano, donna religiosissima... insomma CL... Italiano a Settembre assicurato. il 23 scopro che mi hanno rubato la macchina (per la descrizione del furto basta basarsi su quello della macchina del Mambo...), il 24 vigilia in lacrime alla ricerca della macchina, e dulcis in fundo il 31 mentre estraevo dal forno una pentola, il tutto mi scappa di mano con relativa ustione (il che mi fa incazzare per due cose: 1) non mi sono ustionato come tutti a Capodanno con i fuochi d'artificio, 2) non posso tuttora suonare la chitarra)
Probabilmente ho dimenticato qualcosa, rileggendo il messaggio mi è sembrato mancare un qualcosa, comunque penso che solo Dicembre basti...




ATTENZIONE!
Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.