FABULA - CIRCOLO LETTERARIO TELEMATICO
www: http://www.fabula.it/
email: staff@fabula.it




BELLENTE


Mario Buldorini



Personaggi:
BRUNONE, padre di Bellente
MOGLIE DI BRUNONE (Marì - voce fuori scena)
5 PAESANE
4 CONTADINE
2 PAESANI
PARROCO DI APPIGNANO
BELLENTE
MURATORE
3 SOLDATI FRANCESI
UFFICIALE FRANCESE
MARIA, contadina
FEROCE, marito di Maria
3 BRIGANTI
3 DONNE DELLA BANDA
FRATE
TERE', contadina
GIOA', marito di Teré
SOLDATI CHE ATTACCANO I BRIGANTI (voci fuori scena)
UNA DONNA
ALTRA DONNA
UN UOMO
ALTRO UOMO
CANTASTORIE


(LUCE VIVA - PRESENTAZIONE A SCENA APERTA)
(Una donna): - Siamo nel 1812. Napoleone ha occupato le nostre terre creando quello che fu chiamato, per una quindicina d'anni, Regno d'Italia. Anche lo Stato Pontificio, di cui Appignano faceva parte fu, più tardi, conquistato e trasformato in Repubblica Romana.
Nel nostro paese, all'inizio della storia che stiamo per narrarvi, la vita scorre ancora tranquilla.....(si sposta a sx)
(LUCE DEBOLE)
(canzone: I strofa Bellente "Questa è la storia di Pietro Masi....." - entrano da dx Paesana 3 e Paesana 5, Paesano 1 e Paesano 2 che attraversano e vanno davanti a sx - movimento di vari personaggi sulla scena ad indicare la vita di paese: Paesano 1 e 2 giocano a morra davanti a sx, Paesana 3 e Paesana 5 sbattono un lenzuolo davanti a dx, Parroco passa dietro leggendo il breviario, entrano da sx Paesana 1, Paesana 2 e Paesana 4 con borse o altro in mano e parlano a sx, entrano da dx e restano sullo sfondo altre donne, Brunone entra da sx e resta sullo sfondo in piedi con la secchia a terra - al termine della I strofa escono lentamente a dx, attraversando, i Paesani, le Paesane escono a sx, le altre donne a dx, il Parroco a dx, le lavandaie a dx dopo aver ripiegato il lenzuolo, Brunone a dx dopo aver deposto la secchia al centro della scena)
(LUCE VIVA)
(entra Brunone portando lo sgabello, si siede e batte per lavorare alla secchia di legno)
Brunone (con aria sconsolata,): - Che vita tribbulata ra mia! (smette per un attimo di battere, al pubblico).....nò je se fa più a gì avanti accuscì..... Ciò 'na miseria che me se porta via (riprendendo a battere).....e dodici fiji da mantené (interrompe nuovamente il lavoro).....e mojema?.....Me rroppe l'anima da ra matina a ra sera! (riprende il lavoro).....Fà 'esto..... fa' ist'altro!.....E je ne statesse bene una, oh! (fa la mossa di dare una martellata alla secchia come se fosse la moglie).....Orca!.....Non ne posso più!.....E non basta, noo! (si alza e si muove sul palco).....Ciò anche un fiju ardu, bellu, forte..... un toru!.....Eh, non per gnente je dice tutti Bellente! (al pubblico).....E perché me lamento? Perché è nu sfadigatu, un Don Gioanni da strapazzu che pensa solo a 'nfrattasse cò 'sse fetacce e non me dà 'na mà manco se lu 'mmazzi. Dice: (con ironia, imitando il figlio e muovendosi sulla scena) Io sono giovane..... voglio dicidere del mio avvenire..... cioè..... voi non mi potete capire..... cioè..... voi siete antiquati..... però ri sordi me ri chiede tutti ri giorni!.....Ma bastesse! Adesso ce se mette pure ri francesi! (con aria confidenziale).....Se dice che un certu Napo..... Napolone..... Napoleone o come ccaulu se chiama, sta rrienno per conquista' re terre de ru Papa (per inciso).....che po' sarria re nostre..... e però ce commanna issu. (riprende il tono di prima).....Ma che va cerchenno? (con tono alterato e gesticolando verso il pubblico).....Cò tutta ra Francia che cià, vene a roppe l'anima a Pignà!
Sua moglie (voce fuori scena, con tono concitato): - Brunò..... Brunoneee, vè su che me s'è rruttu ru tappu de ru sciacquatore..... Cuuurri che me se butta tutta l'acqua!
Brunone (seccato, al pubblico): - Visto? Che v'aio ditto? (irato, alla moglie) O Marì, te ra fai finita, 'na orda per sempre, che io fadigo, mica sto a divirtimme. (si risiede e si rimette a lavorare).....Ce ro sai che devo finì sta secchia pè ru Cumune! (batte con la mazza).....Porca!..... (stringendosi nella mano un dito, con voce lamentosa) Che martellata che me sò dattu..... (rivolto alla moglie) e statte zitta 'na orda!.....Cuscì no je se fa a fadigà, io vo a famme un quartì! (esce imprecando a sx portando fuori secchia e sgabello).....Un corbu a re donne e a chi l'ha fatte, 'sse 'mpestate.....
(entrano da dx Paesana 1, Paesana 3, Paesana 5, da sx Contadina2, Contadina 3, tutte parlando animatamente tra loro)
Paesana 1 (a Paesana 3): - Ma non pole esse vero, te sarrai sbajata..... come te ne ha!
Paesana 3 (alle altre paesane): - Scì, scì, è vero che sta 'rrienno!
Contadina 2 (intromettendosi, con tono di chi ha sentito da lontano): - Chi adè, chi adè che sta 'rrienno?
Paesana 5 (con un gesto di fastidio): - Ma come chi?..... (alle altre paesane, con aria complice, sottovoce).....Oh, esse contadine cià re rrecchie più longhe de ra lengua! (riprendendo il tono normale).....Dice che sta 'rrienno ri surdati de Napoleone.
Contadina 3 (intromettendosi come sopra): - Chi, chi, chi..... quanno..... indò?.....A Pignà?..... E che vene a fa''?..... a vedè ru portu? (ride con le altre contadine)
Paesana 1 (risentita): - E piano chi parla..... essa fratarola.....
Contadina 1 (entra con fare battagliero da sx, seguita da Contadina 4 - da dx entra Paesana 2) (ironica): - Ooooh, sempre a offenne, stacete..... a vuardre de ru paese
ve pare che tutti se smoe pè vinivve a vedè..... ma chi ve pare de esse, eh?
Paesana 2 (sprezzante e canzonatrice): - Ce pare de esse ello che simmo..... (al pubblico, maliziosa, carezzandosi un braccio) cò 'sta pelle liscia e villutata..... nuà piacimmo, (alle contadine) che mica simmo (con un certo disgusto).....ruspanti come vuà.
Contadina 4: - Scì, scì..... vederete che ve rruspa Napoleone quanno 'rria..... cò tutti 'lli surdati che adè un annu che manca de casa.....
Paesana 1 (alzando le mani al cielo): - Maledizione a questi perfidi francesi nemici di Cristo, che vengono in Italia per togliere il potere al Papa. Che li pozza scumunicà tutti!.....Povero Papa! Povero Papa!
Contadina 1 (risentita): - Ma che poveretto, illu sta mejo de tutti. (astiosa) Cià da magnà e da bee tutti ri giorni e mica se 'ccontenta de un piattu de foja come nuà, sa?
Paesana 2 (saccente): - In questo momento non vorrei proprio stare al suo posto con il pericolo dei francesi alle porte. Ma..... (battendo una mano sulla fronte) statate (ben scandito) un po' zitte! Mi è venuta un'idea a dir poco..... giniale (ben scandito). Mettiamo su una milizia antifrancese, così, quando issi (ben scandito) arriveranno, già me lo immagino, rimarranno terrorizzati e scapperanno a gambe elevate (ben scandito).
Paesana 3 (applaudendo): - Brava! Bravissima! Un'idea veramente eccezionale! (entra Contadina 2)
Contadina 2 (risentita): - Ma che stai dicenno? Ce stai con ra testa? Quanno vene ri francesi divintirimmo tutti libbiri, uguali e fratelli. (sospirando).....Ah, che pacchia!
Paesana 4: - Ma chi te l'ha raccontate 'sse cavolate?
Contadina 3: - Ma come, non ro sai? (saccente) Ri francesi parla de libertè, egalitè e pure de fraternitè.
Paesana 5 (con aria di sufficienza): - Ma parla come magni!.....Non se capisce gnente de ello che dici! (abbozzando un segno di croce).....Poru Papa, poru Papa!
Contadina 4: - Ha ditto: uguajanza, fratellanza e libirtà e esto vale per nuà che simmo campagnoli, pè ru Papa che sta a Roma, (alzando lo sguardo) beatu issu (a Paesana 2, ironica) e pure per vuà, signorinelle, che parlete tanto de punta e ve dacete tutte iss'arie da signore.(cominciano a litigare)
Paesano 1 (entra da sx urlando e dividendo il gruppo delle litiganti): - Oooh!..... e basta, no? Sempre a fa' cagnara! (rivolto alle Contadine, gesticolando) Ma che volete capì, vuà, de politica? Eh, sete donne e pure campagnole e l'unica cosa che ve pole bboccà dentro ssa zocca è re chiacchiere de ru prete ra domenica.
Paesane (tutte insieme, rivolte alle Contadine e mostrando i pugni): - Cià ragiò, cià ragiò, statate zitte che non capiscete manco quanto sete longhe! (paesane e contadine ricominciano a litigare)
Paesano 2 (frapponendosi tra i due gruppi di donne e rivolto stizzosamente alle Paesane): - E zitte pure vualtre e non faciate tanto re santarelle, sempre a pensà a ru Papa, che quanno stacete su ru lettu, (sghignazzando e roteando una mano, rivolto al pubblico).....non se sa ello che facete.
Paesana 3: - Ma statte zittu tu, che vualtri non pensete a ri francesi ma alle francesi (con aria sorniona) al femminile, esse svergognate!
(entra da dx il Parroco di Appignano, con il breviario aperto in mano e gli occhiali calati sul naso)
Parroco (camminando, alza ritmicamente gli occhi al cielo - borbottio incomprensibile): - Domini domine..... misericordia..... pax eterna..... omnibus busillis.....(ripete, se necessario)
Paesana 3 (a Paesana 4): - Oh..... ma che cià da discorre sempre da per issu?
Paesana 4: - E che ne sò..... quanno cianceca accuscì, non se capisce 'na parola e non sai mai si sta preghenno o biastimenno.
Parroco (chiudendo il breviario, serafico): -.....Amen!.....Cos' è successo, figlioli?.....Cos' è tutto questo chiasso?..... Ah! Credo di aver capito, state ancora discutendo sul fatto del Papa e dei perfidi francesi. (allargando le braccia e con aria ispirata) Ma..... cari fratelli, dovete mettervi in testa che il Papa riuscirà nell'impresa di fermare questi rivoluzionari miscredenti e tornerà vittorioso......Vedrete! (indicando con l'indice il cielo).....Come disse Colui: (solenne).....gli ultimi saranno i primi.
Contadina 3 (con tono rispettoso): - Scì, però è proprio vero che re donne non pozzono 'sprimere una propria 'pinione.
Contadina 4 (con le mani sui fianchi): - A casa mia maritimo e fijmi non me dà mai retta, (alzando le braccia e gli occhi al cielo) armeno sperammo de r'fasse in paradisu.....(maliziosetta, al pubblico) sempre che ci vado, eh?
Contadina 3: - Ma de che te lamenti..... a me manco ru cà me dà retta, anzi me moccica pure quanno je porto da magnà!
Paesano 1: - Va bè, va bè, ammò bbasta, se sta facenno notte e cumincia a fa' frisco, è ora de rgì a casa.
Paesana 4 (battendosi una mano sulla fronte, avanza al centro, al pubblico):
- Poorca!..... me sò scordata de fa' da cena..... e adesso chi ru sente? (fugge via)
Paesana 5 (spaventata): - Io pure, io pure!..... Oddio e adesso che je cocio? (fugge anche lei)
Parroco: - Certo, figlioli..... andate tutti a casa, in pace (indicando il cielo) e ricordatevi che, lassù, Qualcuno vi guarda.
Contadina 1: - Va bè, va bè, Issu me guarderà, ma mica simmo tanto cunvinte, sà!
Paesano 2: - Lassammo perde e giammo tutti a casa e vedammo se, con tutta sta cunfusiò, quarguna ha ttroato ru tempu de coceme dù foja.(escono tutti parlottando tra loro)
Contadina 4 (rientrando dalla quinta da cui è uscita, con una brocca sulla testa, come le altre): - Non ce sta più gnisciù..... è giti tutti a cena..... Adè ch'immo rrimpito 'ste brocche, putimmo rgì a casa pure nuà..... (posando la brocca, con le mani sui fianchi, al pubblico).....ma ro sapete che ce tocca a vinì a pijà l'acqua de notte perché 'sse donne de ru paese non vole che je tucchimmo ra fontanella..... dice che simmo zozze..... e a pensà che quanno esse ce vene a rrubba re fascine lì l'ara pè scallasse, nuà facimmo finta de non vedelle, perché ce fa pena!
Contadina 3: - Però, quant'è furtunate..... cià pure l'acqua corrente!
Contadina 2: - E no?.....Che vurdì ru progressu!.....cià una fontanella lì ra piazzetta!
Contadina 1: - Scì, ma ete visto come se dà 'mportanza, esse donne de Pignà?
(al pubblico).....Je pare che ce l'ha solo esse!
Contadina 2: - Che?.....Ra fontanella?
Contadina 1: - No!.....Ru portu!.....Ma sinti a esta!
Contadina 4: - E no?.....a me me fa 'na rrabbia a sintille discorre (mimando, ironica)....."Staciate zitte, che vuà sete contadine!".....Io no re sopporto più..... esse..... esse pignarole!
Contadina 3: - Però..... ete visto come l'ha fatte sta' zitte ri mariti!
Contadina 1: - Jà ttappato ra bocca anzi che no.....
Contadina 2: - Ma..... non hò capito 'na cosa..... che vulia dì' ill'omu..... quanno dicia che facia tutte 'lle cose su ru lettu?
Contadina 1 (saccente): - Ma tu non capisci mai?.....Chissà che vulia dì'..... vulia dì.....
vulia di' cheee.....
Contadina 4: -.....Che quanno dorme ronfia come un purchittu..... essero che vulia dì!
Contadina 2: - Aaa-mbè..... (con aria convinta).....adè ho capito!
Contadina 3 (riprendendo la brocca e mettendola sulla testa, come le altre, avviandosi verso la quinta da cui erano uscite): - Giammo va', che domà me devo rleà presto, che ciò da goernà tutte 'lle bestie e po'' maritimu vole che je fò ra pulenta cò ro jutto!
Contadina 2: - Ma che mica adè festa!
Contadina 3 (termina di parlare mentre escono di scena): - 'O sò, ma che je vòli fa'..... quanno se fissa..... no ru smoe manco ru tremotu! (escono)
(LUCE DEBOLE)
Bellente (entra da dx, con un fiasco in mano, ondeggiando ubriaco, canticchiando il ritornello di "Appignanesina"): "Sei così carinaaa..... Appignanesinaaa".....Aaah!.....che bella serata!.....Che aria fina!..... Solo a Pignà se rrispira cuscì!.....Hic!.....
(alla parola "Appignanesinaaa", un muratore sporco e accaldato, attraversa sul fondo da sx a dx, asciugandosi il sudore con un fazzoletto lercio e guardando con disprezzo Bellente)
Muratore: - A 'mbriacooo!
Bellente (al muratore, gesticolando): - Fatte ri ca-hic..... tua! (nuovamente al pubblico).....E che vino, signori miei..... un nettare!..... Me sò fattu 'na magnata de faa cò ro cascio, hic..... e chi se ra scorda più. E po', che mica statio da per me, noo, c'era l'amici mia (malizioso, al pubblico).....e l'amiche, che ve paria, eh? (cade seduto a terra e appoggia il fiasco al centro della scena) (al fiasco).....tu statte fermu qui..... e zittu!.....Ah..... che serata!.....Sò 'rmastu senza 'n sordu, ma sò contentu come 'na pasqua.
(dalla quinta di sx fa capolino Paesana 5)
Paesana 5 (sottovoce): - Pss, Bellente..... ooh..... Bellentee..... e bbocca..... daje..... lestu!
Bellente (rialzandosi a fatica, al pubblico): - Ecchine un'antra che vole fasse un giru.
(rivolto alla donna, con tono supplicante).....E famme gì a casa che sò' straccu.....
Paesana 5 (lo prende per un braccio e fa per tirarlo dentro): - Camina va', e non fa' tante storie!
Bellente (con aria rassegnata): - E va bè..... e non tirà. (rivolto al pubblico) Oh!.....sarrà il fascino del nome! (Paesana 5 lo trascina dentro)
Paesana 5 (fuori scena, ben scandito): -.....Mamma mia quanto sì bbellu..... e 'bbraccime..... daje!.....ma che ciai stasera!
Bellente (rientrando con la camicia mezza tolta, va verso il fiasco): - Visto che ciaio ragiò? (raccoglie il fiasco e, ritornando dalla sua bella, si ferma vicino alla quinta, al pubblico).....Istu me ce ru vole tuttu!
Paesana 5: - Allora..... te sbrighi?.....Lestu!
Bellente: (verso la quinta).....Ecchime! (scompare dietro la quinta di sx)
(si ode il suono di una campanella ed entra Brunone da dx suonando una campanella)
Brunone (con tono severo e professionale, scampanellando qua e là per la scena): - Braa gente de Pignà..... ascoltate il Campanellaro del Purgatorio..... pentiteve dei vostri peccati..... e ricordateve che dovete morire..... (alzando il tono di voce, al pubblico) e soprattutto che l'Inferno coce!
(entrano da sx Paesano 1 con una lanterna in mano e Paesano 2)
Paesano 1: - Ma guarda tu, si tutti ri giorni.....
Paesano 2: - 'Na orda o l'ardra je metto re mà addossu!
Paesano 1 (si avvicinano a Brunone mettendogli la lanterna davanti al viso, con tono irato): - O Brunò, tutte re sere ra stessa storia! Va bè che ru prete te paga per gì sonenno pè ri viculi, ma posta' che non se pole mai magnà tranquilli senza sintì a te che ce manni per traerso anche 'llu trozzu de pà!
Brunone (con aria solenne): - Zitto, miscredente e pensa a pentirti dei tuoi peccati.....
Paesano 2 (gesticolando verso Brusone): - Fattera finita de lluccà e fatte piuttosto ri..... peccati tua, invece de pensà tanto a ri nostri, che quando rria ri francesi te 'ttacca su ra campana (imitando la campana con la mano) a postu de ru batoccu, visto che te piace tanto de scampanà.
Brunone: - Ah, scì?.....Allora, 'cchiappate su (gridando e scampanellando più forte di prima) Pentitevi, peccatori che l'Inferno coo-ce..... (Paesano 1 e Paesano 2 lo afferrano per le braccia e lo buttano fuori scena mentre lui cerca di divincolarsi e tenta di suonare)
Paesano 1: - Vatte a buttà giò ra Menocchia.....
Paesano 2 (urlandogli dietro): - E si je ra fai a scappà fori, va' a durmì da ri frati de Forà, che è tutti amici tua.
Paesano 1: Intanto pè stanotte rmani de fori!..... Guardia!..... Chiudi 'ssu portò, che poesse che stanotte je se fa a durmì tranquilli! (al compagno) Giammo, Antò..... (se ne ritornano parlottando verso il centro della scena) Sinti 'n po'..... ma tu ce cridi che sta per 'rrià 'ssi francesi?
Paesano 2 (allargando le braccia): - E che te devo dì, se ne sente tante de 'sti tempi che non ce se capisce più gnente..... prima commannava ru Papa e adè invece conta come ru due de coppe.....prima a Pignà statemmo tranquilli, c'emmo da magnà e da bee e adè 'rria isti che ce lea gnicò e ce vole di' ello che duimmo fa'.....ma che vole, dico io.....che va cerchenno?
Paesano 1 (annuendo): - E no? 'Na 'orda se statia bè per daero..... ce facemmo ri cauli nostri e gnisciù ce rumpia l'anima.....e po' re cose era chiare.....oh, rò sai che dicia sempre 'llu poru babbu? (al pubblico) ".....Rricordite, Pippì, che a chi te dà da magnà je devi di' babbu".....come se sbajava (scuotendo la testa, commosso).....purittu!.....Hò ditto babbu a ru Papa e murio de fame lo stesso.....hò ditto babbu a ru patrò e me menava da ra matina a ra sera.....adè 'rria 'sti francesi, che non se capisce manco ello che dice (gesticolando come per dire "ma come ci pensi?").....e che, devo di' babbu pure a issi?
Paesano 2 (pensoso): - Però.....poesse che adè tutte chiacchiere, che non è vero gnente.
Paesano 1 (convinto): - Scì, scì, me sa che è 'sse donne nostre che sta sempre a discorre e che de 'na paja fa un pajà.
Paesano 2: - Però..... ha ditto mojema che ha sintito di' da una che l'ha saputo da ra sorella de ra cognata de cuginema che sta a sirvizziu a Montefa', che ri francesi va dicenno che simmo tutti uguali..... ricchi e puritti..... omini e donne.
Paesano 1 (interrompendolo e dandogli un colpo sul braccio): - Ma non me fa' sbudellà de rride, va'!.....Stà a sintì: si eremmo tutti uguali, allora Pippina e Teresa adè ra stessa còsa de Antòde Virdicchiu e de Gioà de Stroppetta!..... (alterato) E che schirzimmo? E che vurristi dì..... che io me l'ho rfatta con Gioà? (minacciandolo con la mano tesa).....Guarda che te meno, sa?
Paesano 2: - Carma, carma, io vulio di' che.....
(partono le prime note della Marsigliese, prima lontane, poi sempre più vicine - i due Paesani si fermano per ascoltare)
(inno: Marsigliese: - note: (a volume molto basso.....le jour de gloire est arrivè)
Paesano 1 (allarmato): - Zittu 'n po''.....ma chi adè che canta?.....Porca!.....E' 'rriati per daero! (escono spaventati a sx) (Oppure: restano a sx spostandosi successivamente a dx; uno dei due vorrebbe intervenire per menare ai francesi, l'altro lo trattiene)
Soldati francesi: - (sfilano, cantando, uscendo dalle quinte a dx per due passaggi e mezzo, i soldati francesi con bandiera e tamburo) ".....contre nous de la tyrannie, l'etendard sanglant est levè..... l'etendard sanglant est levè..... entendez-vous, dans les campagnes, mugir ces feroces soldats, ils viennent jusque dans nos bras.....egorger nos fils et nos compagnes..... Aux armes, citoyens..... formez vos bataillons..... marchons, marchons, q'un sang impur, abeuve nos sillons".(escono a sx)
(LUCE VIVA)
Brunone (batte forte, impaurito, contro il portone): - Aprite, aprite..... stanno arrivando i francesi..... sono arrivati i francesi..... ciò pauraaa..... ho sintito ra Marsigliese..... (dalla quinta di sx balza fuori Bellente tutto impettito, rivestendosi del giubbetto che ha in mano, fregandosi le mani e guardandosi attorno)
Bellente (rivolto ai due Paesani, caricato): - 'Ndò sta?..... 'ndò sta..... essa bella
marsijese? (fregandosi le mani tutto contento, al pubblico) Ho sentito dire che le donne francesi adè speciali, le mejo del mondo (si aggiusta la cravatta) e non me dispiaciria conoscere! (mentre si aggiusta la cravatta)
(entra il Parroco da sx gesticolando preoccupato e guardando con aria sconsolata verso il cielo)
Parroco (disperato): - Domine, Domine.....Domine, Domine!.....I francesi sono arrivati..... poveri noi..... hanno conquistato mezza Penisola e hanno imposto le loro leggi con la prepotenza..... dove andremo a finire?..... Chi ci aiuterà? (guardando prima in alto, poi verso il pubblico)..... Sì, d'accordo, ma sarà meglio darGli una mano, eh? (facendo l'atto di fuggire verso dx).....Sì, sì, io vado via, io mi nascondo..... (si ferma, interdetto, perché entrano dalla stessa parte dx i tre Soldati francesi che lo spingono indietro - Bellente si acquatta in un angolo del palco a dx)
Soldato 1 (parlando con la "erre" moscia e minacciandolo col fucile): - Signov pavvoco, che fate, volete fuggive? (indietreggiano tutti verso il centro scena)
Parroco (scuotendo la testa energicamente): - Noo! Per tenersi in forma ogni tanto fa bene correre (rivolto al pubblico, con aria complice), soprattutto per sfuggire ai francesi.
Soldato 2: - Voi non ce la vaccontate giusta, (il Parroco tenta di fuggire verso sx).....ova vi avvestiamo.
Soldato 3 (saltandogli addosso): - Pveso! (getta a terra il Parroco, tutti e tre lo minacciano con il fucile - i tre Soldati alzano la tonaca al Parroco che resta in mutandoni, vistosissimi)
Soldato 1 (deridendolo): - Ah! Ah! Ah!.....Regardez-le, mon camarad..... c'est formidable!
Soldato 2: - Oui, oui, c'est merveilleux..... e gli è passata la voglia di covveve!
Soldato 3 (tirandolo in piedi e tenendogli la tonaca sollevata): - Ti abbiamo vidotto in mutandon..... (divertito) e che mutandon, parbleu!
Soldato 1 (tirando su il Parroco e porgendogli il fucile, con tono imperativo): - Da questo momento basta con i pvivilegi del clero..... tu sei un scittadino come gli altvi..... quindi pvendi questo fuscile e va' a fave il tuo doveve e monta di guavdia alla povta del paese, tanto pev cominciave!
Parroco: - Ma io non posso..... sono un uomo di chiesa!
Soldato 1 (sghignazzando): - Le chiese sono chiuse..... per ordine dell'Imperatore!
Parroco: - Ma io sono un uomo del Signore!
Soldato 2 (perentorio): - D'ova in poi l'unico signove che avrai sava' Napoleone..... e non oppovve vesistenza o sava' peggio pev te!
Parroco (prendendo il fucile da Soldato 1 per la canna): - Ma..... come funziona, questo candeliere?
Soldato 1 (gli prende il fucile e glielo restituisce in modo che lo impugni correttamente): - Così si impugna..... somavo..... et maintenant..... à la guerre..... vite.....vite!
(scorta il Parroco fino alla quinta di dx e lo spinge fuori mentre da sx entrano Paesana 3 e Paesana 4 parlando tra loro - Paesano 1 e Paesano 2 entrano da dx e restano vicino alla quinta - Soldato 2 e Soldato 3 si ritirano a parlottare tra di loro in fondo a dx)
Bellente (ai due paesani): - Oh..... ète visto..... issi prepotenti!.....A me me sa che qui se mette male.....
Paesana 4: - Zitta 'n po'..... 'sta voce..... a me me pare de rconoscera! (le due paesane si guardano attorno)
Paesana 3 (rivolta a Bellente, con aria di benevolo rimprovero): - Ah, ecchiru..... issu ingratu..... Io vurrio proprio sapè che cià de più de nuà (ancheggiando).....'sse famose marsigliesi.
Paesana 4 (seducente e ironica): - Eh sì, diccelo, Bellè..... diccelo!
Bellente (un po' seccato): - 'Aje tu!.....E lassatime in pace, carinelle!
Paesana 3 (indicando i due soldati francesi): - Adesso non ce cerca più perché è rriate esse (facendo un gesto di stizza).....esse esotiche..... chissà che je pare! (si mettono a parlottare tra loro - i due Paesani continuano a parlare tra loro)
Soldato 2 (depresso e sognante): - Ah!..... mon coeur..... mon coeur..... Dove savai a quest'ova..... mon amour..... che bvutta cosa la nostalgia.
Soldato 3 (deluso): - Andate in Italia..... ci discevano..... tvovevete vicchezze, vino e donne a volontà..... ci discevano..... e (indicando con la mano l'ambiente circostante).....guavda in che vazza di buco siamo capitati.....
Soldato 2: - Ci è andata pvopvio male..... e di femmine nemmeno l'ombva.
Soldato 3 (rassegnato): - Eh, oui!..... come disciamo noi a Pavigi (molto ben scandito)..... "Miqquì non se 'gguzza un chiod!"
Soldato 2 (rivolto al Soldato 3, indicando le due Paesane): - Oh, la la..... mais, c'est un mirage.....mon camarad, guavda che splendove, che supevbo spettacolo.....
Soldato 3: - All'attacco..... per la glovia di Napoleone! (si avvicinano baldanzosi alle due Paesane - i due Paesani si ritirano in fondo a dx, uno vorrebbe intervenire mentre l'altro lo trattiene)
Soldato 2 (alle due Paesane, abbozzando un inchino): - Bonsoir, mademoiselles (squadrandole).....che fate di bello staseva?
Paesana 4 (nervosa): - Ma tu che vòli? Ma chi te conosce?
Soldato 3: - Mi conoscevai..... mi conoscevai..... chérie! (mette un braccio intorno alla vita di Paesana 4 che si divincola)
Soldato 2 (gradasso, come sopra, a Paesana 3): - Dai bellezza..... facci sognare!
Paesana 3 (a Bellente, dando uno spintone a Soldato 2): - Aiuto, Bellente.....guarda un po' che vole sti dù frigni buffi.....
Paesana 4 (implorando e allontanando con uno spintone Soldato 3): - Salvaci dalla violenza dei francesi!
Bellente (agitando una mano davanti al viso): - O cocche..... e che mica sò scemu che me metto contro de issi..... issi mena, sa?.....E po' io vojo 'spettà ra marsigliese, che sicuramente adè mejo de vuà! (mentre sta finendo di parlare si ode un rullo di tamburo ed entra da dx un tamburino insieme ad un ufficiale francese - dalla stessa parte dx entrano Contadina 1 e Contadina 2 e si fermano parlottando vicino ai Paesani che sono avanzati davanti a dx - i due Soldati francesi si pongono vicino all'Ufficiale e scattano sull'attenti)
Contadina 1: - Zitti tutti! Scordammo un po' ello che ce dice ru messaggeru de ri francesi.
Contadina 2: - Scì, scì, 'i visto mai che aggià cià portato ra libirtà e tutte ill'altre fresche che manco me ricordo come je se dice.....
Ufficiale (a voce spiegata, con sussiego, legge da una pergamena): - Udite, udite, popolo di Appignano (rullo).....per ordine di Sua Maesta' Imperiale Napoleone Bonaparte, Imperatore dei francesi e Re d'Italia, si dichiara decaduta l'autorità del Papa su queste terre e perché ciò sia chiaro a tutti (rullo).....da questo momento è severamente proibito ogni rito religioso..... le porte delle chiese dovranno essere sprangate..... le campane saranno fuse per farne cannoni..... le ricchezze e le terre della parrocchia sono confiscate a favore dei francesi.....
Paesana 3 (lo interrompe, sarcastica): - Francè, ti sì scordatu l'egalitè! (le Paesane, i Paesani e Bellente ridono sguaiatamente)
Contadina 1 (rivolgendosi a Paesana 3): - Ridi, ridi, che mamma ha fatto i gnocchi! Adesso ra musica è cambiata, signorinelle..... e ce gete vuà a fadigà jò per i campi!
Contadina 2 (astiosa): - Scì, scì, adè vidimmo si cete ru coraggiu de gì a durmì cò ri porchi come facimmo nuà!
Paesana 4 (alle Contadine): - Ma che ve pijesse un corbu!..... Sete nate in campagna e 'ste cose re doete fa' vuà! (rullo di tamburo - le donne si chetano indirizzandosi gesti minacciosi)
Ufficiale: - Inoltre..... (attende che tutti tacciano) inoltre Appignano dovrà fornire un giovane robusto e coraggioso da arruolare come soldato nell'esercito liberatore. (esce a dx riavvolgendo il bando, scortato dai due soldati, al rullo del tamburo)
Paesana 4 (agli altri paesani): - E'te sintito?.....E' 'na parola..... e 'ndò u troi, a Pignà, unu cuscì?
Paesana 3 (additando Bellente e correndo verso di lui, tutta giuliva): - Ecchiru..... issu è ru più forte, che farà diventare invincibile l'esercito liberatore.
Paesana 4 (tutta contenta): - E' vero, è vero, è forte come un toru, (vezzosa, al pubblico) posso tistimonià io..... e po' cià pure un debole pè ri francesi.....
Bellente (alzando la voce e alzandosi in piedi): - Ma che, sete sceme? Io non posso partì perché..... perché soffro di emorragie nasali e po'..... e po'..... (roteando una mano) ciò 'na debolezza..... (al pubblico, con aria complice e sicura, indicando le due paesane) esse ne sa checcò!
Paesana 3 (con aria furbetta): - Ma che moragie e moragie, magari maritimo (ben scandito) fosse sanu come che te.....
Paesana 4 (maliziosa): - E che debolezza vai dicenno..... altro che debolezza (al pubblico) io posso tistimoniare.....
Bellente (gesticolando): - Tu è mejo che non tistimoni, che si te sente marititu.....
Paesano 1 (autoritario): - Basta, Bellente..... no 'a fa' tanto longa!..... il popolo ti ha scelto..... (imperioso).....devi partire!
Paesano 2: - Non puoi sottrarti al tuo dovere, la Patria ti chiama!
Bellente (infuriato e gesticolando minaccioso verso tutti): - Ah scì? Bella rrobba.....
che gente (con disprezzo).....'sti compaesani!.....Non ve ce manno perché sete in troppi..... E allora sapete che ve dico?.....Che m'ete stufato..... e io vò via perché..... (cominciando a girarsi per andarsene, urlando).....perché sete peggio de illi de Treja! (esce a dx correndo e mostrando il pugno chiuso)
(LUCE FIOCA)
(canzone: II strofa Bellente "Era, si dice, un uomo galante", III strofa "Briganteggiava" - i personaggi in scena si dispongono in fila davanti mentre parte la musica - da dx entrano Contadina 1, Contadina 4 e Brunone, da sx Feroce e Parroco, i Briganti in armi da sx sul fondo, le Donne dei briganti davanti a loro - alla fine della strofa escono lentamente a sx e a dx, a gruppi di due, i personaggi della prima fila)
(OCCHIO DI BUE SUL GRUPPO DEI BRIGANTI E DONNE DEI BRIGANTI)
(le Donne dei briganti escono a sx dopo qualche secondo - quando si spegne l'occhio, i Briganti escono a sx)
(UN ATTIMO DI BUIO)
(sono portati in scena un tavolo e due panche)
(al termine della canzone entra Maria da dx con cesto di provviste che posa sul tavolo e, mentre parla, entrano dalla parte opposta Bellente, Brigante 1, Brigante 2, Brigante 3, Donna della banda 1, Donna della banda 2, Donna della banda 3, Feroce)
Maria (si accorge del pubblico solo quando ha posato la cesta, al pubblico, sorpresa): - Ah!..... Ce statete pure vuà?!..... E chi ss'o 'mmaginava!.....Allora, ve ne rracconto una che l'ho saputa proprio adesso su pè re casette..... mamma mia..... esta è proprio grossa!.....da mettese re mà su ri capiji!..... U più bellu de Pignà, pè non gì a fa' ru sordatu, s'è dattu a ra macchia..... insomma, s'è fattu brigante..... brigante, oh, ete capito? Un brigante a Pignà! E quanno s'è sintito mai..... e doete vedè quanti sordati è rriati pè cchiappallu!.....Cià misso pure 'na tassa noa pè mantenelli..... e adesso pè 'lla fresca de ra libertà ce tocca a portà re toppe dapertutto! (si sentono urla dei Briganti da fuori scena - Maria si accorge del gruppo che sta per entrare da sx e maltratta suo marito Feroce).....Oddio! E' rriati a casa nostra e sta menenno a maritimu!
Brigante 1 (il gruppo dei briganti entra da sx spingendo e scrollando Feroce): - Allora, come te chiami, eh?..... Voli rrisponne scì o no?
Feroce (con tono lamentoso e impaurito): - Me..... me..... me chiamo Feroce..... ma sò bbooonu.....sò un pezzu de pà..... ve ro giuro!
Bellente (con stizza, aggiustandogli il bavero della gacchetta lisa): - Stà a sintì Feroce e non me fa' ripete perché sò un tipu nirvusu..... adesso tu vai a Treja, a nome nostro e chiedi che ti siano consegnate cento pezze d'oro..... cento, capito?.....Se non te le vogliono dare..... di' che Bellente e la sua banda metteranno la città a ferro e fuoco, (tono di voce in crescendo) rrubberanno, 'mmazzeranno e ridurranno la città un mucchio di macerie! (al pubblico, con baldanza).....Cuscì 'mpara!
Maria (con tono supplichevole, si inginocchia rivolta verso i briganti): - Non faciatije male, ve prego, ve 'ssicuro che maritimu girrà a Treja (al pubblico, con aria da oca e scandendo bene per far capire l'equivoco) a fasse dà ferru e focu (rivolta verso i briganti) e a minaccià che vualtri je portete l'oro..... ma adesso lassatiru, per carità.
Brigante 2: - E per ricordatte mejo..... (minacciando Feroce con un bastone) pijete 'stu promemoria!
Feroce (riparandosi alla meglio il capo): - No eh..... no eh..... no! (viene colpito sulla testa da Brigante 2).....Ahia!.....No..... su ra testa no! (al pubblico).....Basta! Hò capito..... è cose è due: o ce vò..... o ce vò.
Brigante 3 (in tono minaccioso): - E non te scordà ra strada de casa..... e pensa che qui ce lassi a mojeta come ostaggiu.
(Feroce si volge verso il pubblico e assume un'aria furbetta, fregandosi le mani)
Feroce: - Quasci quasci.....
Donna della banda 1: -.....E ce lassi pure ro cascio e ri prisciutti.....
Feroce (spaventato): - Tranquilli!.....Vado, minaccio e torno cò ri sordi..... (esce a sx parlando a mezza voce).....e giate a mmurì 'mmazzati tutti quanti! (intanto i Briganti e le loro Donne cominciano a mangiare le provviste della famiglia)
Maria (li osserva preoccupata per un paio di secondi): - Ma lasciateci almeno la roba da mangiare!
Donna della banda 2: - Statte zitta, brutta sdrega e portice ro vì, piuttosto! (Maria si scosta dietro la quinta di dx e torna con un fiasco in mano e dei bicchieri che i briganti ignorano attaccandosi al fiasco, poi esce a dx)
Brigante 1 (rovesciando con una manata i bicchieri): - Isti non serve!
(LUCE FIOCA O SUL FONDO CON PERSONAGGI IN CONTROLUCE CHE MANGIANO, PER DUE SECONDI, ad indicare il trascorrere del tempo)
Donna della banda 3: - Ah, quant'era che non magnavo a cristià! (alzandosi e indicando verso Feroce che sta rientrando da sx).....Ma..... posta' che aggià è rvinutu?
Feroce (lamentoso, entra camminando curvo, massaggiandosi i fianchi): - Quante me n'ha datte..... mamma mia!.....Quante me n'ha datte! (ai briganti).....Altro che oro..... ligno e sassi m'ha datto!..... E ha ditto che si ve facete vedè da 'lle parte ve ttacca su ru muru come re capocce d'aju..... Oddio, quanto me dole.....
Bellente (alzandosi di scatto): - Ma tu ji ditto "Ferro e focu"?
Feroce: - E jer'ho ditto scì..... ma issi m'ha risposto che sete 'na maneca de pezzenti e che re vostre minacce fa rride anche a ri puji..... (massaggiandosi la schiena)..... quanto me dole!
Bellente (orgoglioso, alzandosi): - Ah, scì?.....Sentiranno ancora parlare di noi!.....Andiamo, compagni (escono Bellente e le Donne dei briganti a sx, seguiti dai Briganti ognuno dei quali colpisce Feroce con calci e pugni - Maria rientra da dx con un gesto di preoccupazione per il marito, riprende il cesto e finché Feroce parla lo mette fuori a dx)
Feroce (lamentoso, a Maria): - Non ne pozzo più..... più tempu passa e più botte pijo..... Ma che je pozzo fa' si l'oro non me r'ha datto? (rivolto al pubblico, agitando le mani giunte).....Oggi sò tuttu ruttu..... domà, tanto pè cambià, sarrò tuttu rruttu n'antra orda..... E per furtuna che me chiamo Feroce..... che si me chiamavo Cojò, che succidìa?
Maria (porgendogli un bicchiere che Feroce porta alle labbra): - Bii 'na goccetta, va', che te rinfranca. (Feroce esce a dx sostenuto dalla moglie che lo consola)
(LUCE SUL GRUPPO E SULLE PIANTE DELLO SFONDO, per dare l'idea dell'ambiente boschivo)
(entrano da sx le tre Donne dei briganti parlando tra loro, con fagotti carichi di verdure che appoggiano sul tavolo e cominciano a pulire - durante il dialogo a tre si muovono sulla scena mimando azioni da casalinghe)
Donna della banda 1 (amara): - Quanto durerà 'sta pinitenza..... chi ro sa.
Donna della banda 2 (sospirando): - Sarrà ello che Dio vole, se vede che eremmo distinate de diventà re donne de ri briganti e de sta' sempre ammezzo a 'sta miseria ccuscì nnerta.
Donna dei briganti 3: - Pè 'sta campata ormai è gita cuscì..... pè ra prossima, armeno, sperammo d'aecce 'na casa..... 'na cappanna..... cò un lettu veru, cò ru materazzu de granturco (indicando gli alberi sul fondo)..... a postu de 'ste piante e de 'ste foje..... (mettendo le mani sulle reni).....che sò sempre tutta rrotta.
Donna della banda 1: - Ah! (sospirando)..... quanno ce rpenzo che me se vulia pijà Vincè de Ficocciu..... e 'llu poru babbu (segnandosi).....che Dio l'abbia in gloria, non ha vuluto!
Donna della banda 2 (incuriosita): - E come è gita, come è gita..... che mica ce l'aii ditto mai!
Donna della banda 1: - Se priuccupava sempre per me, 'llu poru babbu..... issu per me se 'mmaginava 'na vita da signora..... ri lussi..... me dicia sempre: "Santì, ricordite che cò 'ssi fianchi che ciai, poli pretenne..... poli rcapà!"
Donna della banda 2 (ironica): - E tu perché non 'i rcapato?
Donna della banda 1: - Io aio rcapato! Staciate a sintì:.....Dicia tutti che ru prete de ru Botonta, (convinta)..... che non cià fiji de ri sua, ciaia ri sordi nnascosti lì ru materassu e che se vantava lì l'ustiria che ella che se pijava a Vincè..... (al pubblico, maliziosetta) che je vulia bè come un patre, ciaia, (ben scandito) garantito..... trenta di' sessanta pulente.
Donna della banda 2: - E come l'aia fatti tutti 'ssi sordi?.....cò re limosine?
Donna della banda 3 (indispettita, a donna della banda 2): - E che te ne frega! (a donna della banda 1).....Daje, daje, racconta..... lesta!
Donna della banda 1: - Allora..... un giornu che passavo lì ru viculu dereto ra chiesa, issu Vincè me s'è paratu dinnanze..... cò ra faccia tutta rroscia ppicciata, cò dù occhi cuscì (unendo i due indici con i pollici) e me fa: (mimando) "Te vojo spusà!".
Donna della banda 3: - E tu che jì risposto..... ci ri mannatu?
Donna della banda 2: - Ch'ì fatto..... ti sì mmissa a lluccà?
Donna della banda 1: - Ma che?.....Adera un pezzu che me n'ero nnaccorta che me facia ra posta, sa?
Donna della banda 3: - E daje..... non ce fa sta' su re spine!
Donna della banda 1: - Io jò risposto: "Si tu me voli parlà, vè a casa Domenica a matina e parla cò babbu e cò fratimi."
Donna della banda 2: - E issu c'è vinutu?
Donna della banda 1: - E no?.....C'è vinutu scì!.....doete vedellu!..... (mimando) Tuttu rvistitu..... cò ra cappottella svordata..... re scarpe de ru nonnisu, (al pubblico).....bonanima, (tono in crescendo).....paria proprio un signore..... un conte..... un-pa-trò!
Donna della banda 2: - E cò babbitu cià parlato? Che jà ditto?
Donna della banda 3: - E fratiti che ha fatto? Ja menato?
Donna della banda 1 (infastidita): - E faciatime parlà, no!..... Appena è bboccatu, dopo re solite fregnacce che se dice su 'sti casi, 'llu poru babbu jà domannato che mestiere facia, e issu..... Vincè..... jà rrisposto (con sussiego, alzandosi per mimare Vincè):
- "Mi occupo di terreni, per vostra informazione." (le altre Donne della banda commentano tra di loro)
- ".....Bene - je fa 'llu poru babbu..... - e.....scusate l'impirtinenza..... adè tanti, 'ssi terreni?"
- "Anche troppi." dice Vincè.
Donna della banda 2: - E ce l'aia per daero?
Donna della banda 1 (la zittisce con un gesto di fastidio, parlando rapidamente): - E spetta 'n minutu!.....Allora 'llu poru babbu je fa:
- "E indò sse ttroa tutta 'ssa terra?"
- "Nel didietro del Coppo, per servirvi."
- "Ma millì ci sta ra terra de ru prepostu!"
- "Per l'appunto..... ed io sono il qui presente contatino della parrocchia!" (Donna della banda 1 si risiede)
Donna della banda 2 e Donna della banda 3 (insieme, scandalizzate): - Un contadì?.....Era un contadì?
Donna della banda 1: - E no?.....'nzomma, a curti discursi, a 'llu poru babbu, per poco non je pija re fantijole.
Donna della banda 2: - E Vincè?
Donna della banda 1: - S'è mmissu a corre come 'na lepre..... tuuttu piegatu.
Donna della banda 3: - Come sarrìa a ddì.... "tuttu piegatu"?
Donna della banda 1: - Scì, perché fratimi, che adè tanto 'dducati, l'ha vulutu per forza 'ccompagnà fino a Ttunnacò..... e, per come m'ha ditto quanno è rvinuti, ogni 'orda che proaa a arzà ra testa..... se 'nciampava lì ri bastù sua.
Donna della banda 2 (maliziosa): - E..... lì rvistu più?
Donna della banda 1: - A chi..... a 'llu poru babbu?
Donna della banda 2: - Ma no..... a Vincè.
Donna della banda 1: - L'hò rvistu scì..... Pignà adè picculu..... ma era mejo si no ru rvidio.
Donna della banda 3: - Perché?
Donna della banda 1: - Perché ogni orda che ru 'ncuntravo, ru core me battia cuscì forte che me paria ru campanò ru giornu de Pasqua.
Donna della banda 2: - Va là, che t'è ggita bè..... pensa si t'eri maritata a 'n contadì.....
Donna della banda 1(all'inizio sicura, poi sempre più dubbiosa, infine disperata): - E noo? A ist'ora invece de godemme tutta 'sta libirtà, me toccava a rlaà chissà quanti pagni..... (sospirando) pulì 'na casa chissà quanto grossa..... (come sopra).....r'fa' ri letti..... cò ri materazzi ardi accuscì (mimando).....fa' da magnà..... e magari ciaio tre o quattro fetacci da custudì..... (nascondendo il viso tra le mani, lamentosa)..... si ce rpenzo!
Donna della banda 3: - Però, armeno, a te gnisciù t'ha mancato de rrispettu.....
Donna della banda 2 (curiosa): - Perché..... a te scì?
Donna della banda 3 (con finta ritrosìa): - Eh!..... non me faciate parlà, va'!
Donna della banda 1: - Ammò ce ro devi raccontà.....
Donna della banda 2: - Per forza!
Donna della banda 3 (come sopra): - E va vè..... ve rricordete de Francè, ru fiju de Muzzì, illu che ferraa ri cavalli?
Donna della banda 2 (compiaciuta): - E come fai a non ricordattiru..... ciaia (mimando con le mani).....dù spalle accuscì
Donna della banda 3: - Era bellu, eh?.....Embè..... un giornu che scappemmo de ru mese de Maggiu..... lì ra chiesa de ri Santi, me se 'ccosta e me fa tuttu gintile: "Te pozzo 'ccompagnà?".....Io j'arrio vuluto di' de no..... ma m'è scappato ditto de scì.....
Donna della banda 2: - E 'ì fatto male..... no sta' bè'!
Donna della banda 3: - E che ne sapio, io..... mica ero pratica come vuardre!..... 'Nzomma..... a curti discursi..... simmo rriati davanti a ru portò de casa mia e lì..... è successo (al pubblico).....ello che è successo!
Donna della banda 1: - T'ha vasciato!?
Donna della banda 2: - T'ha toccato!?
Donna della banda 3 (scandalizzata): - E che, sete matte?.....Sentate che m'ha fatto..... m'ha ditto (solenne): "Vurrio esse un passiru, pè volà davanti a ra finestra tua!"
Donna della banda 2 (delusa): - Embè, solo esso?.....E che t'arrà dditto?.....Anzi, è pure un bellu penzieru..... tenneru..... poeticu.....
Donna della banda 3 (seria e convinta): - Scì, ma si vinia a volà proprio quanno statio per gì a lettu..... me vidia cò ra sottoveste..... che vergogna..... e chi scappava più de casa!
Donna della banda 1: - E scì che adesso te poli fa' vedè in giru..... a Pignà speciarmente! (sospirando).....Quanto vurrio rvedelle 'lle quattro case!
Donna della banda 2 (con aria solenne): - Io ce sò rgita a Pignà, 'na orda, dopo ch'immo cuminciato sta vita.....
Donna della banda 1: - E quanno ce sì rgita?
Donna della banda 3: - Ammò ce ro devi dì, visto che oggi simmo in vena de cunfidenze.
Donna della banda 2: - Scì, ma no ro diciate a gnisciù..... me rraccomanno.....
Donna della banda 1: - E de che cì paura..... piano, per tutte re perzone che friquintimmo!
Donna della banda 2: - Va bè!.....Ve rricordete, un po' de tempu fa, illu giornu che vuà sete gite giò ra Menocchia a rlaà ri pagni e che vedemmo passà tutta 'lla gente cò ri birocci, tutta rnoata, e che ce statia pure tutti 'lli fetacci a piedi cò re scarpe su re mà?
Donna della banda 3: - Scì, scì, che non sapemmo che festa era..... che a forza de scappà via e de nasconnece, non ce rricurdimmo manco più che giornu è!
Donna della banda 2 (seria): - Io ro sapio.....
Donna della banda 1: - E che festa era?
Donna della banda 2 (pensosa e seria): - Era ra fiera de ri vintinove!
Donna della banda 3 (battendo una mano sulla fronte): - Mannaggia..... è passata pure ist'anno..... e pensà che me ne murio de gicce cò 'ssommini, magari travistite.
Donna della banda 1 (compunta): - Era grossa, ist'anno, ra fiera?
Donna della banda 2: - Oste!......Cuscì grossa non l'aio vista mai..... pensate che lì Borgo no je se facia a passacce, de quante vacche c'era!
Donna della banda 3: - C'era ri cavalli..... e ri tori?
Donna della banda 2: - Tanti!..... e ri purginelli..... te 'nsurdia de quanti ce n'era!
Donna della banda 1: - E sì stata bè?
Donna della banda 2: - Troppo!.....specialmente quanno sò passata giò pè ri Santi, che vinia su da Borgo ill'odore de pesce fritto (annusando l'aria) mmischiato cò ello de ra porchetta, che facia rrisuscità pure ri morti..... (sospirando)
Donna della banda 3: (sognante, schioccando la lingua): - Me pare de aeccero drento ra bocca! (continua ad avere un'aria sognante)
Donna della banda 2: - Eh..... peccatu che sò duuta rvinì via quasci subbito perché si 'ssommini se ne nn'accurgia, me rruppia tutta come 'na canna.
Donna della banda 3 (ricomponendosi): - E bisogna capilli..... sempre a campà cò ra priuccupaziò de non fasse scuprì..... senza 'n'ora de tranquillità..... senza orariu.....
Donna della banda 1 (interrompendola): - E senza quatrì!.....Armeno a esse sicure che te rvene a casa tutti..... (sospira guardando in alto)..... (lunga pausa).....quant'è tardi, Madonnetta!.....Che fine arrà fatto..... (scuotendo la testa).....poru maritu mia..... speriamo che non je sia ccapitato gnente de brutto.....
Donna della banda 2: - Non me ce fa' pensà, va', che sò tanto priuccupata pure io..... ma siguitammo a capà sti grugni..... (sospirando forte) che armeno non ce pinsimmo.....
Donna della banda 3 (sospirando): - Cì ragiò..... e po', come se dice..... (al pubblico, maliziosa, scandendo bene) la fame fa rtornà l'omu! (si sentono fuori scena spari e grida)
Donna della banda 1 (spaventata, lasciando cadere quello che ha in mano): - Oddio!..... Ete sintito? Speriamo che non sia ri mariti nostri..... (altri spari e grida)
Donna della banda 2 (anche lei come sopra e alzandosi di scatto): - A stu puntu me cumincio a preoccupà per daero!
(da sx rientrano i Briganti e Bellente spingendo e strapazzando un frate con le mani legate)
Donna della banda 3 (a voce alta, contenta, alzandosi e indicando il gruppo che sta entrando):
- Ecchiri..... è rvinuti (stupita).....ma che cià portato?
Donna della banda 1: - Misiricordia! (segnandosi).....è unu de 'lli frati de Forà!
Donna della banda 2 (alle altre, sconcertata): - E guardate come ru tratta!
Donna della banda 3 (ai briganti che maltrattano il frate): - Ma che, ve sete 'mmattiti?.....Che v'ha fatto 'ssu purittu?
Bellente (alle donne, trionfante): - Allegre donne, che l'onore dell'omini vostri è sarvu!.....Ji l'immo fatto vedè che non simmo 'na banda de pezzenti..... altro che.....
Donne della banda (insieme, spaventate): - Oddio, ch'ete fatto?
Brigante 1 (orgoglioso, facendo un gesto con la mano alla gola): - Immo tajato ra gola a un ufficiale francese!
Brigante 2 (sghignazzando, al pubblico): - Doete vedè come fiottava!
Brigante 1 (alle donne): - E po' se vede che oggi è un giornu furtunatu (scrollando il frate).....guardate 'n po' ch'immo ttroato pè strada quanno r'venemmo a casa.....
Brigante 2 (al pubblico, girando la testa del frate e indicandolo): - Oh! (guardandolo con disgusto).....tanto bellu non è, ma checcò ce darrà, si ru rvole!
Brigante 3: - Qui bisogna scrive a ru patre guardià..... 'na bbella lettera de riscattu..... piena de minacce..... e magari cò drento (torcendo un orecchio al frate) un bellu pezzu de rrecchia..... (al pubblico) secondo le regole.
Bellente: - E scì (a Brigante 3, mettendogli una mano sulla spalla, con tono di approvazione).....brau!.....un'idea degna de un capu!.....Allora (pensoso, camminando qua e là).....vedammo 'n po' come se pole cumincià..... (dettando mentre i briganti si guardano interdetti) "Prigiatissimo patre guardià..... ru frate vostru ci l'immo nuà..... sta bè, per adesso..... domà, non se sa..... preparate vino, cascio e farina..... e a sbrigasse..... 'rtroative giò ra chiusa de Sant'Antò ru giornu dell'Assunta, a dù ore de notte" (rivolto ai suoi).....Oh!.....Ete scritto?
Briganti (confusi, balbettano): - No..... ma..... veramente.....
Bellente (perentorio e spazientito): - Chi sa scrive de vuà?
Brigante 1 (orgogliosamente): - Io no, ce manchiria ardro!
Brigante 2: - Manco io!
Brigante 3: - E che me ro chidi a fa'?
Brigante 1: - Scusa, capu..... perché non scrivi tu?
Bellente (irato): - Che? (impettito).....Un capu non se 'bbassa a fa' certe cose!.....Ne va dell'onore de tutti..... de ra dignità (al pubblico).....è 'na parola..... e ammò che je racconto?
Frate (in tono di rimprovero): - Farete un brutta fine, questo è poco, ma sicuro!..... Pagherete caro quello che avete fatto. (appena il frate comincia a parlare, Bellente, rivolto al pubblico, fa un gesto di sollievo)
Bellente: - Ma sinti a quistu!.....perché, ch'immo fatto?
Frate: - Nel regno dei cieli non c'è posto per chi ruba!
Bellente (ai compagni): - Ma nuà immo rrubbato a fin di bene! (i briganti sghignazzano)
Frate: - Che vuoi dire?
Bellente (con finta compunzione): - Che abbiamo tolto ai ricchi per dare ai poveri, secondo giustizia.
Frate (al pubblico, con aria seria): - Ah, ma allora..... se le cose stanno così.....
Bellente: - Infatti immo rrubbato ai ricchi pè pijallo nuà, che non c'immo 'n sordu..... me pare giusto (Bellente e i briganti ridono)
Frate (aggressivo): - Delinquenti!.....Vi burlate di un uomo di Dio!.....Di questo passo nessuno pregherà nemmeno sulla vostra tomba! (Bellente si tocca con la destra per fare gli scongiuri, ostentatamente, ma si gira con le spalle al pubblico, leggermente piegato, mentre con la sinistra fa le corna verso il basso, ben visibili)
Bellente (di nuovo al frate con aria da duro): - Stà a sintì, zì frà, si tenghi cara essa pellaccia, dovrai 'nventatte delle preghiere apposta per i nostri peccati (al pubblico).....che non è pochi (al frate) e si te ro dico io poli sta' sicuru che è vero.....
Briganti (insieme, sghignazzando): - Scì, scì, è vero, è vero!
Frate: - Ma non vi vergognate?..... Per colpa vostra..... (indicando tutti i briganti a braccia tese) i genitori e i fratelli di Bellente sono stati cacciati da Appignano..... la loro casa è diventata ricovero dei soldati e tutti i cittadini sono stati tassati per mantenere le truppe che vi danno la caccia.....
Brigante 1 (inalberandosi e abbassandogli violentemente le braccia sul basso ventre - il frate si piega): - A cosu!.....Prima de tutto 'sta vita non l'immo scelta nuà, quindi sparagna ru fiatu e fattera finita co 'sse prediche..... secondo, è sempre mejo murì da omini libbiri che sotto l'esercitu francese!
Frate: - (rialzando le braccia in segno di minaccia) Vi dannerete l'anima (le Donne dei briganti si fanno il segno della croce).....perché per colpa vostra.....(Brigante 2 lo interrompe)
Brigante 2: - E ce rfa' chi vole ò cece! (gli abbassa le braccia come sopra).....Ma ringrazia Dio che t'immo graziato..... e po' scommetto che anche tu, sotto sotto.....
Frate (rialza le braccia): - Ma non capite che per colpa vostra..... (Bellente lo interrompe)
Bellente: - O frà! (gli abbassa le braccia come sopra).....m'ì stufato..... anzi, a dilla tutta, m'i proprio rrutto ri-cò..... (al pubblico, portandosi una mano alla fronte).....toh!, che me fa dì'! (di nuovo rivolto al frate).....Leimmete de davanti che oggi non è giornata..... sciò, sciò (Brigante 1 e Brigante 3 lo sollevano e lo portano fuori a dx, Brigante 2 li segue prendendo il fiasco e bevendo, Bellente li segue - le donne della banda escono anch'esse a dx portandosi via i fagotti e il resto)
(LUCE FIOCA ALL'INIZIO, POI PIENA LUCE ALTERNATA ALLA FIOCA SUL CORO DONNE/UOMINI)
(canzone: IV strofa Bellente "In una casa di Cimarella" - V strofa Bellente "Il comandante e tanti....." - entrano cantando: da dx Contadina 2 e Paesana 3, da sx Paesana 4 e tutte si pongono davanti a dx - entrano da sx Brunone, Paesano 1 e Paesano 2, Feroce, Parroco, Frate e si mettono tutti dietro a sx - durante la luce fioca il tamburino porta il camino con gatto e le pietre davanti alla casa di campagna a dx - al termine della canzone entra Teré da dx con in mano una cesta di panni, parlando con Gioà che la segue)
(LUCE VIVA)
Teré (posando la cesta sul tavolo): - Gioà, sta' 'n po' a sintì che m'ha raccontato esse donne laggiò ra Menocchia finché rlaemmo 'sti pagni.....
Gioà: - E de chi ete parlato male, staorda?
Teré: - Ma che? Allora, sta' a sintì, che a me me pare grossa tanto!
Gioà (gesticolando spazientito): - E no 'a fa' longa..... comenza!
Teré: - Allora..... iIli dilinquenti de ra banda de Bellente statia là pè ò mezzo de ra serva de Verdefiore..... cantava e ballava, come nuà quanno eremmo gioenotti e emmo finito de mete..... oh, te ricordi quanto ce gustava?
Gioà (la interrompe spazientito): - Embè..... me ro voli di' o non me ro voli di' che adè successo? (al pubblico).....Oh!, adè tutte uguale 'sse lenguelonghe..... quanno sta da per esse, parla sempre tutte inzieme e quanno te deve di' checcò, ce mette tre ore e non te fa capì coè.
Teré (fa un gesto di fastidio): - Ma zittu 'n po''..... allora, tutto de 'na orda è rriati ri surdati, illi che è vinuti apposta a Pignà per colpa de issi malfattori..... e s'è missi a sparà come matti tramezzo a re piante..... Io no ro sò, si ha 'cchiappato quarche brigante, (al pubblico) ma de piante n'ha 'cchiappate tante!
Gioà (incalzante): - E po' che è successo?
Teré: - Sti briganti, che adè pratichi de ru postu, s'è missi a sparà issi pure e 'na guardia c'è rmasta secca..... n'antre due o tre è rmaste cioppe e pare che sta per murì esse pure.....
Gioà: - Però..... se ri surdati de ru Papa sparava come sti briganti, a 'st'ora a Napoleone l'aia r'mannatu a casa sua a rompe ri-cò..... (viene interrotto bruscamente da un bussare rabbioso alla porta)
Bellente (da fuori a sx, bussando forte): - Aprite, svelti..... o buttiamo giù la porta!
Gioà (avvicinandosi alla quinta): - Ma, chi sete..... che volete?
Bellente: - T'ho ditto "Apri!"
Gioà: - Opro, opro..... spetta che opro!.....E che ciai.....te se porta ir diaulu? (scompare dalla scena a sx e rientra spinto indietro dall'entrata irruenta di Bellente e dei suoi uomini seguiti dalle donne della banda - Gioà e Teré si scostano sulla dx)
Bellente: - E faciatece bboccà, che mica simmo magnacristià come se dice in giru! (va a buttarsi su una panca, con aria stanca, anche i Briganti si siedono).....finarmente! (rabbrividendo).....Oste che friddo! (fregandosi le braccia).....me s'è gelati pure l'ossi! (le Donne della banda vanno verso il caminetto passando sullo sfondo)
Donna della banda 1 (accostandosi al caminetto insieme alle altre due): - Ah, che bello calluccio che c'è qui drento! (indicando il gatto davanti al fuoco).....e guarda 'ssa bistiola quanto ci sta bè..... che mica se smoe!
Brigante 3 (al pubblico): - E no?.....pare farzu!
Donna della banda 2: - Certo che me gustiria a passà un po' de tempu a sedè (sognante, sospirando).....senza fa' gnente..... qui davanti.
Donna della banda 3 (sospirando): - E scì, eppo' domà è ru giornu de Natale..... (mentre parla, Donna della banda 2 si sposta lentamente e depone il cesto dei panni sotto la tavola, poi si siede).....oh, ve ricordete quanno anche nuà c'emmo 'na casa vera e magnemmo insieme all'ardri e tutti ce rispettava..... (Brigante 1 la interrompe, brusco)
Brigante 1: - Ma lemmete! (al pubblico).....Pare vero a sintilla?.....Si ciaia 'na casa e si tutti ra rispettava, anzi che se mittia con me! (Bellente, Brigante 2 e Brigante 3 ridono sguaiatamente)
Brigante 2 (a Teré): - Donna, c'immo sete, portice da beè..... e che sia ello de ra chiaetta!
Teré (prende un fiasco dalla quinta di dx e lo posa sul tavolo con malagrazia, poi ritorna vicino al marito e gli posa un braccio sulla spalla, ai briganti): - Beate, ma tenatece de cuntu che simmo vecchi e 'cciaccati! (sottovoce).....Pozzi givve pè ttraerso!
Gioà (curvo, con le mani sulla schiena): - Scì, scì, è vero, c'immo più 'cciaaacchi nuantri de ra somara de Massera (sottovoce alla moglie).....Speriamo che sti diaulacci non ce portesse disgrazzie e malidiziò.
Teré (anche lei a bassa voce): Si tenghi chiusa essa boccaccia, poesse che je ra facimmo a sarvacce.....
Bellente (con un gesto della mano): - Vecchiu..... vè qui (Gioà si accosta esitante a Bellente)
Gioà (bofonchiando): - E adesso istu che vole?
Bellente: - Coll'amici mia immo diciso che domà è Natale pure per nuardri, per cui (porgendogli un fazzoletto pieno di monete e mettendoglielo in mano).....toh..... pijite 'sti sordi, 'ttacca ra cavalla e curri a Treja a compracce da magnà quanto ttroi de mejo.
Gioà (timidamente): - Ma..... veramente è già tardi e non so si fò a tempu per l'ora de notte.
Bellente (sicuro e minaccioso, alzandosi): - Fai a tempu, fai a tempu..... te ro dico io che fai a tempu, (minaccioso) sinnò ru giornu de Natale, mojeta, se ru ricorda pè finché campa..... essa!
Gioà (attraversando la scena verso dx): - Fò a tempu..... fò a tempu..... dice issu! (esce a dx)
Bellente (gridandogli dietro): - E non parlà cò gnisciù! (ai compagni).....Sperammo bè!
Teré (conciliante): - Bràa gente, visto che oggi è giornu de vigija, si permettete, se capisce, vulimmo pregà un pochetto per l'anime nostre che ci n'immo tutti di bisogno?
Bellente: - Ma scì, pregammo..... (al pubblico, ben scandito) che non se sa mai.....Chi cumincia?
Donna della banda 1: - Cumincio io..... (con voce ferma ed espressione raccolta, cantilenando e scandendo bene) "Pè 'lli pori morti nostri..... recchia materna, domini domine"
Tutti (cantilenando): - "Righè canta in pace, amene"
Donna della banda 1: - "Per l'aneme sante del Purgatore."
Tutti: - "Ccontentative che si stacete all'Inferno era peggio."
Donna della banda 1: - "Ave Maria stiesu."
Tutti: - "Santa Maria stramorte, amene."
Donna della banda 1: - "Pozzi crepà tutti ri francesi".
Tutti: - "Prima possibile".
Donna della banda 1: - "Armeno che rgesse a casa sua".
Tutti: - "E magari de corsa".
Donna della banda 1: - "Speriamo de rià a domatina".
Tutti: -"Sperammo e cuscì sia".
Donna della banda 2 (alzandosi): - Gente, mo' è un pezzu che Gioà è partitu..... se sta facenno notte (a Teré).....e ancora non se rvede.
Teré: - Se sarrà fermatu lì l'ustirìa de ra Chiesanoa, come te sbaji..... (al pubblico) cò tutti 'lli sordi che s'è ttroatu lì re saccocce.....
Voce di Gioà dall'esterno: - Leee..... Cimara..... leee..... e fermite!..... Bistiaccia!
Donna della banda 3 (sollevata): - Anche 'staorda è gita bè'!
Teré: - Signore, Ve ringrazio! (mentre rientra Gioà da dx con un cesto/fagotto in mano che depone sul tavolo)
Bellente: - Beh, Gioà, come è gita?
Gioà: - E' gita bè..... (sicuro) staciate tranquilli!
Bellente (severo): - 'I parlato cò gnisciù?
Gioà (finge di non averlo sentito): - Ho ttroato 'na sporta de nuce che adè re sette bellezze!
Bellente (un po'' spazientito): - 'I parlato con gnisciù?
Gioà (come sopra): - E pure ro pecorino, adè bellu maturu a puntu giustu.
Bellente (decisamente spazientito, facendo l'atto di alzarsi): - 'I parlato con gnisciù?
Gioà: - None, none..... cioè..... scine, (con aria sicura) ma illu non cooonta!
Bellente e Briganti (tutti insieme, allarmati, alzandosi e andando verso Gioà - le Donne dei briganti si spostano a sx): - E con chi 'i parlato?.....Che ji ditto?
Gioà (tranquillizzandoli): - Gnente, gnente..... me sò 'ncuntratu cò ru prete de ra Chiesanoa, che m'ha visto cò tutta 'sta rrobba e m'ha domannato come mai..... indò l'aio troati ri sordi.....
Bellente (afferrandolo per il bavero della giacca, urlando con voce strozzata e scrollandolo): - Che ji ditto?
Gioà (spaventato): - Jò ditto che era vinuti a stroacce ri parenti de mojema de Montecascià..... per passà Natale insieme..... e che m'aia datto ri sordi per gì a comprà checcò da magnà..... checcò de jutto, visto che domà è 'na festa ricordata.
Brigante 3 (con aria sollevata, tornando verso la panca): - Meno male! (Bellente lo lascia e ritorna verso la panca da cui si era alzato) (durante i movimenti precedenti le Donne dei briganti si accostano e si scostano in gruppo a seconda dei movimenti dei Briganti, mostrando curiosità)
Gioà (allargando le braccia mortificato, al pubblico): - Ma issu..... non cià criduto.....
Bellente (si blocca, allarmato): - Che voli dì?
Gioà (rinfrancato): - Dico che..... ro sapete, no, come è fatti ri preti..... a forza de bazzicà cò ru diaulu..... ne sa una più de issu!
Brigante 1 (minacciandolo con il pugno chiuso davanti al viso): - Insomma, te spieghi o te devo fa' spiegà io a modu mia?
Gioà: - Issu prete m'ha ditto che a 'sti parenti mia ri conosce bè..... e che issi adè più morti de fame de me e che io no je devo raccontà fregnacce..... sinnò me danno l'anima..... e che quello che se racconta a ru prete è segreto, anzi..... (con aria convinta, scandendo bene) se-gre-ti-ssi-mo.
Brigante 2 (amaro e preoccupato portando le mani sulla testa): - Oh, volete vedè che ja ditto che statimmo qui!
Gioà (con aria furba): - E je r'ho ditto scì..... (trionfante) che mica ce vojo gì, all'Inferno, io!
Teré (con tono di disapprovazione): - Ma quanto sì gnoccu, maritu mia!
Gioà (sorpreso): - Perché..... ch'ho fatto?.....Ma si m'ha datto pure 'na spiciale binidiziò!
Teré: - Ma come..... no ro sai che ru prete de ra Chiesanoa è una spia de ri francesi? A istora aggià ci arrà dinunciato!
Gioà: - Chi?..... Issu? Ma come ce penzi? Oh, adè un prete, mica un buzzurru come nuà, sà'!.....E' tanto, tanto per bè!
Teré (alterata): - Per bè'?.....Ma quanto sì stupitu!.....Ma come fai a fidatte de unu che se dice omu e va in giru cò re sottane?
Bellente (fa un gesto di minaccia a Gioà): - Ma guarda tu!..... (ai briganti, imperioso).....Compagni..... me sa che è mejo filassela..... (rumori e grida di gente fuori scena)
Voce fuori scena: - Ecco..... ci siamo..... state pronti a sparare! (i briganti si fermano guardandosi interdetti e si consultano sul da farsi).....Circondate la casa..... svelti..... svelti..... (con tono più alto) Ehi, voi della casa! Sappiamo che siete lì dentro!.....Arrendetevi e uscite disarmati!
Brigante 2: - Maledetti, beccateve questo! (spara verso l'uscita - gli altri briganti sparano qualche colpo in direzione del pubblico)
Gioà (dopo il primo sparo si è accucciato insieme alla moglie): - Giammo via Teré, che isti spara, mica scherza.
Teré: - Giammo via, scì, che è mejo. (escono di soppiatto a dx mentre riprende lo scambio di colpi - tutti i briganti sparano in direzione del pubblico, poi smettono)
Brigante 3 (affannato): - Bellè, è finite re cartucce!
Bellente: - Pijammiri a mattonate!. (Bellente e i Briganti raccolgono le pietre del focolare, poi anche le Donne dei briganti - lancio a spaglio sul pubblico)
Voce fuori scena: - Uscite fuori!
Bellente: - Venatice a pijà! (spari - i tre briganti cadono morti)
Voce fuori scena: - Arrenditi, Bellente!
Bellente (facendo l'atto di scagliare una pietra): - Mortu scì, ma viu no! (spari da fuori - Bellente lascia cadere la pietra ed emette un grido strozzato)
(OCCHIO DI BUE SU BELLENTE)
(mentre cade lentamente a terra al centro del palcoscenico alza un braccio col pugno chiuso - a voce alta, con fierezza)..... Giate a muriam.....ma.....zzati..... (cade a terra morto, tra i compagni - silenzio assoluto in scena - le Donne della banda si avvicinano ai caduti lentamente, alcune si inginocchiano, poi una donna avanza sul proscenio uscendo da dx)
(LUCE FIOCA O LUCE SUI QUATTRO CHE STANNO PER PARLARE)
Una donna (al pubblico, con tono grave): - Che macello che hanno fatto sti soldati!..... Tutti sti morti lì per terra..... (*) e non gli daranno manco una sepoltura cristiana, manco 'na croce..... li butteranno da qualche parte, come monnezza..... (nasconde il viso tra le mani per qualche secondo, intanto un uomo entrato da sx si è messo vicino a lei)
Un uomo (come sopra): - No, questo non è proprio giusto..... (**) perché se hanno vissuto malamente è stata colpa di un potere autoritario e repressivo. (intanto un'altra donna è avanzata accanto ai due uscendo da dx)
Altra donna: - Ma Bellente non sarà mai dimenticato dalla gente de Pignà..... (esaltata) (***) e le sue avventure diventeranno leggenda e saranno raccontate ai bambini la sera, accanto al caminetto (un altro uomo uscendo da sx si è posto accanto ai tre)
Altro uomo: - Perché nessuno può disporre della vita degli altri..... e, (indicando a braccia e mani tese verso il pubblico, come ad abbracciare tutti) se dipendesse dal popolo, le guerre non si farebbero mai..... solo per la Libertà..... vale la pena di lottare..... (indicando verso il mucchio dei caduti).....e di morire.
(LUCE FIOCA - LUCE SU CANTASTORIE)
(Cantastorie entra da sx finché parla l'Altro uomo, porta uno sgabello, si siede all'estrema sx e comincia ad eseguire la ballata)
(parte la canzone: Bellente - prima parte solo Cantastorie durante il movimento dei fiori - durante la prima strofa i due uomini e le due donne si spostano lentamente ai lati mentre le altre donne entrano da dx e da sx e gettano fiori sui caduti, poi da sx e da dx entrano i personaggi maschili e si fermano sullo sfondo
(LUCE VIVA ALL'INIZIO DELLA II STROFA)
(Bellente si rialza all'inizio della seconda strofa "Era, si dice.....", poi si rialzano i Briganti al termine degli applausi, e si abbracciano - gli altri si dispongono a semicerchio dietro ai Briganti e avanzano a due a due da sx e da dx per l'inchino, poi arretrano lentamente a formare un unico semicerchio con i Briganti al centro - cantano tutti dalla quinta strofa "Il comandante e tanti....." - Coro: Attrici: "Arrenditi.....", gesti con le braccia in avanti, supplichevoli - Attori: "Venatime....." e "Mortu scì.....", con il braccio alzato in segno di minaccia.) (dondolamento sincrono)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(*) entra Un Uomo, da sx.
(**) entra Altra Donna, da dx.
(***) entra Altro Uomo, da sx - il Cantastorie, a sx, prepara sgabello e strumenti e si siede.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SIPARIO

La rappresentazione, anche parziale e a qualsiasi titolo, della presente opera è formalmente
interdetta senza il consenso scritto dell'Autore che ne rivendica l'esclusiva proprietà.


Ballata di Bellente
testo e musica di Giuseppe Gasparrini

Questa è la storia di Pietro Masi
vissuto a cavallo del setteottocento,
appignanese alquanto ribelle
perché era bello chiamato Bellente.

Era, si dice, un uomo galante,
rubava il cuore a tutte le donne,
ma lui si mise contro la legge
e nella macchia dovette fuggir.

Briganteggiava per lungo, per largo,
Treja, Pollenza, Castelfidardo,
Osimo, Cingoli e Montefano,
Montecassiano e giù di lì.

In una casa di Cimarella
faceva Natale con la sua banda,
ma un uomo nero fece la spia
e circondati furono lì.

Il comandante e tanti gendarmi
dettero inizio alla battaglia,
mentre la truppa avanzava e sparava,
un coro roco gridava così:

Coro: Arrenditi, Bellente!
Bellente: Venatime a pijà!
Coro: Arrenditi, Bellente!
Coro: Mortu scì, ma viu no!

E sotto il piombo di questi gendarmi
cadeva morto a ventitré anni,
le donne piangevano il bell'amante,
eroe popolare chiamato Bellente.


ATTENZIONE! Questo testo è tutelato dalle norme sul diritto d'autore.
L'autore autorizza solo la diffusione gratuita dell'opera presso gli utenti della banca dati e l'utilizzo della stessa nell'ambito esclusivo delle attività interne al circolo.
L'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di utilizzazione economica dell'opera in ogni forma e modo, originale o derivato.